martedì 31 gennaio 2017

La La Land (Damien Chazelle, USA, 2016, 128')




"Nel West, quando la realtà incontra la leggenda, vince la leggenda".
Su questa frase tratta dal meraviglioso L'uomo che uccise Liberty Valance di John Ford ho costruito molta della mia personale mitologia legata alla meraviglia del Cinema, a quel miracolo che, dai tempi di Melies, ha regalato magie a generazioni e generazioni di spettatori in tutto il mondo parlando spesso e volentieri del Graal di quasi tutti coloro che sono mossi da passione: i sogni.
Quei sogni che sono la materia di tutto - impossibile dimenticare Il mistero del falco -, dei quali Hollywood nella golden age dei grandi studios è stata forse il simbolo più splendente.
La Hollywood dei colori sgargianti, degli amori folli e dei musical, simbolo dell'unione tra il Cinema, per l'appunto, e la magia delle sette note: nel corso della mia carriera di spettatore, molti titoli figli di quell'epoca e molti altri appartenenti alla categoria, da West Side Story a Moulin Rouge!, mi sono entrati nel cuore rapendolo come in un ballo travolgente ed appassionato - e tutti quelli che mi conoscono ben sanno che, in quel senso, ho la stessa mobilità di un grizzly uscito cinque minuti prima dal letargo -.
Nel West, si diceva, quando la realtà incontra la leggenda, vince la leggenda.
Damien Chazelle, regista del più che discreto - ma in parte sicuramente sopravvalutato - Whiplash, deve ben saperlo, perchè confeziona per due ore piene un pezzo di Cinema strepitoso, dal travolgente piano sequenza in apertura alla mimica facciale tra la provocazione e l'imbarazzo che Ryan Gosling ed Emma Stone raccontano alla perfezione per rendere la storia d'amore dei due protagonisti di una vicenda fotografata, musicata, diretta e montata alla perfezione, che, pur non avendo ancora visionato la maggior parte dei candidati ai prossimi Oscar, sarebbe un'ingiustizia non si portasse a casa quantomeno i premi nelle categorie tecniche.
Ma non si limita a questo: come, infatti, fu qualche stagione fa per il sorprendente The Artist, anche in questo caso un regista attuale rispolvera con mano ispirata ed una capacità che sconfina dall'omaggio e porta ad un nuovo livello il concetto di Classico tutto quello che, sulla carta, poteva apparire ormai morto e sepolto, come il jazz che Sebastian tanto tiene a mostrare per quello che è a Mia, e invece si trasforma in qualcosa che è già esistito eppure ha il sapore di futuro, che forse è più tecnica che non emozione pura - in questo senso, il già citato Moulin Rouge! stravince in quanto a scossoni e lacrime versate - ma travolge e lascia con la sensazione, nonostante l'hype altissimo che lo precedeva, di aver assistito ad uno spettacolo destinato a lasciare il segno ed essere considerato un riferimento dalle generazioni future, magari di quelli che ispireranno qualcosa simile nello spirito a questo tra una trentina d'anni.
Ma si parlava di West, realtà e leggenda.
Perchè la zampata vera sta tutta lì, a prescindere da quanto magica e strabiliante - per quanto mi riguarda, sempre tecnicamente parlando - possa risultare la visione: la zampata delle grandi occasioni, dei grandi film.
Sebastian che siede al piano, sei anni dopo aver conosciuto Mia.
Un gesto, un accordo, un brano, un film, un sogno.
Qualcosa che avrebbe potuto cambiare la sua vita, e quella dell'amata.
Peccato che il West, ed il Cinema, dove la leggenda vince, siano le meraviglie che ogni giorno ci fanno sgranare gli occhi o chiuderli - se si tratta di una canzone - per immaginare quello che potrebbe accadere se fossimo in un film, o nel ritornello del pezzo che più amiamo e ad ogni ascolto ci fa pensare che i sogni possano realizzarsi, e di essere i protagonisti di una di quelle meravigliose cavalcate su pellicola.
Ma la realtà è un'altra cosa.
Anche per Mia e Sebastian.
Nella realtà, che in questo caso coincide con la nostra, non vince la leggenda.
Cosa resta, dunque, oltre ad una manciata di sogni?
Sedere al nostro pianoforte, qualunque esso sia, e ringraziare chi abbiamo amato, amiamo ed ameremo per sempre per aver vissuto quei sogni accanto a noi.
Che si siano realizzati, oppure no.




MrFord




 

30 commenti:

  1. non mi resta che dargli un'occhiata.

    RispondiElimina
  2. Che groppo m'hai fatto venire,Ford.
    Questo sembra proprio un film per me <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me questo è un film per tutti.
      In senso molto positivo.

      Elimina
    2. Il Khal mi ha detto "questa cacata te la guardi da sola",quindi per tutti-tutti forse non direi XD

      Elimina
    3. Risponderò come risponderei a Cannibal: "Cinema per tutti quelli che amano davvero il Cinema." ;)

      Elimina
  3. Bellissimo pezzo. E felice che faccia breccia anche qui.
    Ogni tanto me lo trovo a difendere, a spiegarlo La La Land. E invece è un sogno ad occhi aperti, come il cinema. Che devi spiegare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un sogno ad occhi aperti.
      Non potevi definirlo meglio.

      Elimina
  4. Mi ha emozionata di più il tuo pezzo che il film, con tutto che a Chazelle bisognerebbe fare un monumento. Però a La La Land ho preferito Whiplash e, non a caso, quando mi è apparso J.K. Simmons ho applaudito in solitario come una cretina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando scrissi di Whiplash, sperai che Chazelle prendesse il talento mostrato e lo trasformasse in qualcosa di più grande.
      Per me l'ha fatto, eccome.

      Elimina
  5. Film adorabile, quanta bellezza e quanta leggerezza...incanto, meraviglia e musica...cinema allo stato puro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi dirlo forte. Cinema allo stato puro.

      Elimina
  6. Nella realtà non vince la leggenda.
    Ma questo film vince su qualunque film western tu possa citare.
    E pure su Moulin Rouge. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro, vince soprattutto sulla nostra rivalità. ;)

      Elimina
  7. E' un gennaio pieno di bei film... Lo voglio vedere per finire bene questo mese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se chiudi con questo, chiudi in bellezza!

      Elimina
  8. Come sai, per me l'emozione è stata tantissima, e alla seconda visione addirittura di più. Sarà un animo profondamente ottimista, sognatore, nostalgico. E quel finale, vero, amaro, è per me leggenda ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il finale, come per Arrival, da un senso ancora maggiore a tutto il film.
      Bellissimo.

      Elimina
  9. Il paragone con "The Artist" ci sta tutto, è una perfetta operazione di restyling del grande cinema hollywoodiano. Per questo Hollywood lo premierà alla grande: gli oscar per le categorie tecniche sono scontati, ma penso proprio che si aggiudicherà anche quelli più "pesanti"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Staremo a vedere: non è detto che vogliano in qualche modo ribaltare un verdetto che pare già scritto.

      Elimina
  10. bello come il finale di questo film sia stato letto in molti modi a seconda di chi lo guardava... il tuo dolce-amaro, chi lo guardava con me ha detto che era una tragedia, io invece l'ho visto come un lieto fine ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare giusto che sia così: in fondo, seppur con una confezione sognante, questo film parla della vita.
      E non tutti la prendono allo stesso modo. ;)

      Elimina
  11. E guarda caso, da me lo danno per solo un giorno...

    RispondiElimina
  12. Un film perfetto. Pur non capendo una fava di cinema, ho pensato subito che la regia era meravigliosa, la fotografia pure, l'interpretazione, la colonna sonora, la sceneggiatura...proprio bello. E come tutte le cose perfette, non mi ha fatto piangere. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, di solito sono quelle imperfette a far piangere. ;)

      Elimina
  13. Un film che per noi sognatori è una mazzata al cuore e all'anima. Ma di quelle mazzate che ti danno la carica e ti spronano a dare sempre il massimo! Meravigliosa recensione come sempre, James.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Muchas gracias, Gabriele!
      Ed è vero: essere sognatori vuol dire spesso e volentieri alzarsi dopo ogni caduta. :)

      Elimina
  14. Recuperato dopo qualche tempo: una poesia di film che scoperchia tutti i "ma se" che ho lasciato indietro negli anni. Che meraviglia
    (e il tuo post è da brivido)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contento che ti siano piaciuti il post e il film, che è davvero magico.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...