martedì 28 agosto 2018

Glow - Stagione 2 (Netflix, USA, 2018)




Essendo questo il primo post nel "nuovo formato", fa quasi strano anche a me scriverlo, ma da qualche parte dovrò pure iniziare, no? Dunque, diamoci dentro come se fossimo su un ring.


- Parto con una sorta di "nota dolente": come tutti i prodotti seriali che colpiscono positivamente, anche Glow in questa seconda stagione soffre per la perdita dell'effetto novità generato lo scorso anno.

- La confezione, la colonna sonora ed il gusto pop continuano a funzionare alla grande, lo spettacolo messo in piedi dalle ragazze è ben calibrato e riesce, quantomeno agli occhi di un appassionato di wrestling come questo vecchio cowboy, a raccontare tutto il lavoro svolto dietro le quinte dello "show entertainment" per eccellenza.

- Nonostante qualche episodio con poco mordente anche questa seconda annata si gusta molto piacevolmente, ed è conclusa con un season finale che non solo rilancia la storia in vista della già confermata stagione tre, ma rappresenta uno dei punti più alti dell'intera produzione, una cosa dal gusto malinconico ed elettrico ad un tempo che, nonostante non c'entri nulla se non per epoca, mi ha ricordato il ballo di fine anno di Stranger Things.

- Ottimo il gruppo delle ragazze, capaci come nello show di wrestling che portano sullo schermo di ritagliarsi il proprio spazio più o meno importante grazie a caratteri e caratteristiche differenti: come sempre, un plauso alla Zoya con sorella in dote di Alison Brie, punta di diamante di Glow.

- Se tutti ben sappiamo, per l'appunto, quale sia il grosso calibro di questa serie, come jolly e "show stealer" va considerato il Sam Sylvia di Marc Maron, un charachter scritto ed interpretato alla grande che acquista spessore e regala nuove sfumature episodio dopo episodio, e che nel corso di questa seconda stagione trova il suo meglio, inaspettatamente, nel ruolo di padre. Bravi gli sceneggiatori che l'hanno costruito e ancor più bravo Maron a renderlo fottutamente cool.

- Non sarà il titolo dell'anno o una di quelle serie destinate a rivoluzionare il panorama televisivo, ma Glow funziona, diverte e fa anche provare una certa malinconia, ricordando che anche il Wrestling, come il Cinema, è uno show che cerca di coinvolgere il suo pubblico facendo leva su emozioni vive e vere. L'anno prossimo i Ford saranno ancora in prima fila.



MrFord



8 commenti:

  1. Serie molto carina, perfino geniale in un episodio in particolare, ma che comunque pur avendo avuto da bambino un passato da spettatore compulsivo di wrestling purtroppo poco mi entusiasma. Sarà l'immancabile ripetitività del tutto, sarà il formato. Il tuo, di formato, invece mi piace molto! Ho letto il post di ieri a scoppio ritardato e condivido blog sonnecchianti, pochi stimoli e ancora meno bei film di cui parlare. Ma mi ripeto che è la pigrizia dell'estate, che i lettori soliti ritorneranno a leggerci e che, oggettivamente, scrivere meno non significa scrivere peggio. Anzi. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente spero anch'io si torni a popolare la blogosfera. Quel fermento era molto stimolante non solo per la scrittura, ma anche per il semplice essere spettatori! Grazie! :)

      Elimina
  2. Non avevo mai sentito parlare di questa serie tv, forse perché poco pubblicizzata, ma mi prende parecchio e me la segno subito, sperando di vederla prima che esca la terza stagione. Il wrestling è… non saprei neanche come definirlo, anzi sì, ma non voglio far piangere il vecchio cowboy ;)
    Nonostante questo “show entertainment” che mi fa abbioccare ogni volta che lo becco in tv, spero di trovare qualche storia vera, di donne che lottano (non solo fisicamente) per farsi valere in un mondo che non è ancora pronto a noi e che mi faccia emozionare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il concetto è proprio quello, ed averlo applicato ad una disciplina che per anni è stata quasi completamente a "dominio maschile" è l'ennesima conquista. Attendo il tuo riscontro!

      Elimina
    2. Beh, che dire? Mi sono sparata le due stagioni come se stessi mangiando dei pistacchi:un episodio tirava l'altro. Potrei scrivere un papiro su Glow, ma non voglio tediarti troppo, ma sappi che l'ho trovato geniale, divertente e a tratti riflessivo. Non vedo l'ora di vedere la terza stagione, sperando non diventi una schifezza.

      Elimina
    3. Spero anch'io. Intanto puoi dirti convertita al wrestling! :)

      Elimina
  3. - Primi 7 episodi niente di che.

    - Ottavo episodio fighissimo! E pure gli ultimi due ottimi.

    - Anche a me il finale ha ricordato Stranger Things.

    - Nel caso te lo chiedessi: anche se GLOW mi piace, il wrestling continua a farmi cagare. XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibile che abbia ricordato ad entrambi Stranger Things, neanche avessimo una sensibilità comune.
      Meno male che il wrestling ci divide! :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...