martedì 27 dicembre 2016

Ford Awards 2016: le serie (dalla 10 alla 1)




Ed eccoci giunti alla decina che determinerà quelle che sono state le serie più amate dal sottoscritto nel corso degli ultimi dodici mesi: all'interno sorprese e conferme, nonchè alcuni dei titoli più celebrati dell'anno.
Quale sarà il vincitore?




 

Andrew Jarecki, documentarista e regista amato dal sottoscritto fin dai tempi del meraviglioso ed inquietante Capturing the Friedmans, torna alla sua materia favorita dopo una parentesi nel Cinema - tra l'altro, con un film ispirato proprio da questa vicenda - concentrandosi sulla controversa figura di Robert Durst, miliardario ed immobiliarista che fece scandalo negli States quando fu scoperchiato il vaso di Pandora che avrebbe potuto indicarlo come un'omicida ed uno psicopatico.
Un prodotto tesissimo reso ancora più profondo proprio dalla presenza di Durst, predatore che ricorda quei rettili che paiono morti, e che alla fine ti lasciano secco.


  Il trono di spade Poster

Alle spalle un paio di stagioni abbastanza in sordina, il serial dalla galleria di personaggi più varia ed amata dai tempi di Lost torna ai livelli dei suoi momenti migliori regalando al pubblico una stagione serrata e ricca di momenti epici, che esalta i fan della prima ora in vista di quella che dovrebbe essere la cavalcata conclusiva dei protagonisti - pare che le prossime due stagioni segneranno l'epilogo della saga di Westeros - e, finalmente, porta il famigerato "winter" dove dovrebbe essere.

N°8: SHERLOCK


Ho atteso anni per recuperare l'osannatissimo Sherlock targato BBC, e nel giro di un paio di settimane, accanto a Julez, sempre più conquistati, abbiamo finito per divorare tre stagioni ed uno special, rimanendo letteralmente a bocca aperta per la qualità e l'intensità del prodotto.
In attesa di poter ammirare la quarta stagione, le gesta di questo Holmes dei giorni nostri restano un esempio insuperabile di come andrebbe gestita una serie crime.

N°7: 11.22.63


Ispirata da un romanzo di Stephen King, 11.22.63 è stata la mia scommessa emotiva di questa classifica.
Tra paradossi temporali ed una riflessione sul Tempo strepitosa che ha portato ad un epilogo toccante come pochi altri nel corso di quest'anno, ho amato da impazzire le gesta di Jake Epping, insegnante dei giorni nostri finito nel pieno dei sixties per impedire l'assassinio di Kennedy in modo da garantire un futuro migliore agli USA ed al mondo.
Ma sarà davvero così?
Mai sottovalutare Destino e Storia.

N°6: GOMORRA

 

Le vicende dei Savastano, famiglia regnante nella geografia criminale di Napoli, sono state un ritorno ai bei tempi di Romanzo criminale per i Ford tutti.
Prima e seconda stagione hanno rappresentato, con tantissimi alti e pochissimi bassi, un'affermazione di prepotenza del valore del made in Italy nell'ambito del prodotto seriale: dalle metamorfosi di Genny all'evoluzione di Ciro, passando attraverso vite, morti, vendette ed una trama da tragedia greca, Gomorra non ha davvero nulla da invidiare alle grandi proposte giunte da oltreoceano figlie dello stesso genere.



Se esistesse una definizione di cult fatta serie, sarebbe senza dubbio Stranger Things.
In bilico tra amarcord, fascino da anni ottanta, magia ed amicizia, questo magnifico affresco, seppur non un Capolavoro, rappresenta uno dei momenti più alti offerti dal piccolo schermo quest'anno.
Con ogni probabilità finirà in cima alla lista di molti bloggers, e da Goonie, posso capirli dal primo all'ultimo.

N°4: FARGO

 

Con una seconda stagione a dir poco strepitosa - perfino superiore alla già ottima prima - il serial ispirato dal cult firmato dai Fratelli Coen trova una collocazione d'onore nel novero dei titoli imperdibili per tutti gli amanti delle serie di alta qualità.
Passione, umanità - nel bene e nel male -, desiderio di emergere e destino che porta a sprofondare, morti a mazzi ed un'evoluzione quasi magica per la serie noir dell'anno.

N°3: NARCOS


Se solo me l'aveste chiesto un mese fa, avrei detto che Narcos avrebbe vinto a mani basse e per il secondo anno consecutivo - come accadde a Breaking Bad - il Ford Award come miglior serie televisiva.
L'epilogo della storia di Pablo Escobar, raccontato con taglio crepuscolare neanche fossimo all'interno di uno dei migliori film di Michael Mann, è magico e potente, tanto da portare il pubblico quasi ad empatizzare con quello che è stato uno dei criminali più terribili dell'ultimo secolo.
La sfida, ora, per questa serie, è quella di restare così grande anche senza il suo personaggio - ed attore - cardine.



Senza ombra di dubbio, la mia serie del cuore di quest'anno.
Outsiders, cicatrici, rimorsi, cambiamenti ed un sacco di dolore per quello che, più che un procedurale o un crime, finisce per essere un romanzo di formazione, critica profonda e netta al sistema giudiziario americano e racconto di sopravvivenza di un ragazzo finito dentro da "buono" ed uscito da "duro".
Ed intorno a lui, come dentro di lui, un mondo.
Senza contare uno dei personaggi più azzeccati della stagione.


 

Ed eccola, la serie dell'anno per White Russian.
Il lavoro di Sorrentino, tecnicamente ineccepibile, è un fiume in piena.
Basterebbero gli episodi otto e nove per strapparsi tutti i capelli, diventare credenti, correre a San Pietro, gridare al miracolo ed invocare Lenny Belardo, uno dei charachters più incredibili degli ultimi dieci anni di serie televisive.
Ma in The young pope c'è molto, molto di più.




I PREMI


Preferito fordiano: John Stone, The night of


Miglior personaggio: Lenny Belardo, The Young Pope


Miglior sigla: The Young Pope


Uomo dell'anno: John Turturro, The night of


Donna dell'anno: Millie Bobby Brown, Stranger Things


Scena cult: Lenny Belardo spiega il perchè della sua riservatezza, The Young Pope


Migliore episodio: Hold the door, Game of thrones ed Episodio 8, The Young Pope


Premio ammazzacristiani: Ciro Di Marzio, Gomorra


Miglior coppia: Jake Epping e Sadie Dunhill, 11.22.63
Cazzone dell'anno: Ash Williams, Ash VS Evil dead

Cattivo dell'anno: Pietro Savastano, Gomorra



MrFord

20 commenti:

  1. Sottoscrivo: Uomo dell'anno - John Turturro.
    Pure la scena cult di Young Pope a cui aggiungo l'arringa finale di Turturro e le sequenze irresistibili di Fargo in cui Kirsten Dunst tiene prigoniero il mafioso Gerhardt (tipico stile Coen).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche quella è una grande sequenza, ma Lenny Belardo non si batte. ;)

      Elimina
  2. Primo posto a sorpresa. Mi aspettavo The Night Of, che ahimé non ho ancora visto. Un grandissimo Sorrentino, anche a detta di chi poco lo tollera come me, ma qui e lì le sue stranezze - tipo la storyline del rosso, che si dà a insensati trenini in Honduras - mi ha fatto storcere il naso. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me, a parte un paio di puntate "normali" - ma comunque di qualità altissima - è una serie pazzesca.
      E non vedo l'ora tu possa recuperare The night of.

      Elimina
  3. E pensa che io D iang poup ancora non lo vedo...!
    Argh!!

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti recuperarlo, invece. E' una bomba.

      Elimina
  4. Ottima ottima classifica, o meglio, ottimo podio visto che alcune posizioni sono nella mia top 20 e non top 10. Ma va bene così, visto quel Lenny in cima a tutti ;)

    RispondiElimina
  5. Qualche tua solita scelta ridicola come il soporifero 11.22.63 non può mancare ovviamente, però le prime posizioni sono meglio di quanto era lecito attendersi da te.

    Certo che Narcos e Gomorra sono troppo in alto, visto che non hanno riservato grosse sorprese rispetto alle prime stagioni, e quella meraviglia di Stranger Things troppo in basso, ma poteva andare mooolto peggio... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna serie può essere soporifera quanto Mr. Robot, quindi in questo campo direi che non hai bonus. ;)

      E Narcos e Gomorra, pur senza grosse novità, sono molto meglio di una serie di serie che piacciono a te. Stranger things bellissimo e cult, ma non all'altezza di altri.

      Elimina
  6. Concordo su tutto tranne su young pope che ancora non ho visto...devo recuperarla al più presto aaarrggghhh!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E cosa aspetti a recuperarla, Fratello!?

      Elimina
  7. Ho visto buona parte delle serie che citi e The Young Pope e Stranger Things mi sono piaciute moltissimo, così come The Night of. Narcos troppo in alto, mentre Fargo era in alto nella classifica dello scorso anno e attendo il 2017 per la terza stagione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io attendo la nuova di Fargo, finora splendida.
      Per me Narcos pienamente all'altezza della prima stagione, ma Night of e Young pope mi hanno decisamente conquistato.

      Elimina
  8. D'accordissimo su Narcos,Stranger things,11.22.63,Sherlock e GOT...sul primo posto non saprei perchè non l'ho vista e non la vedrò,ma non vedo l'ora di recuperare the night of!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato non vederla, perchè è una bomba.
      E attendo la tua su The night of. :)

      Elimina
  9. ...devo davvero recuperarne moltissime di serie tv...
    "Young Pope" è probabilmente quella che mi pesa di più non aver ancora visto, lo pensavo prima della tua medaglia d'oro, lo penso ancor più ora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Young Pope è da vedere, questo è sicuro. :)

      Elimina
  10. Game of Thrones ha avuto un'ultima stagione pazzesca, Il Giovane Papa l'ho iniziato giusto ieri e il primo episodio mi è piaciuto! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E vedrai che non farà che migliorare! ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...